Nono GIORNO

 

Preghiera Iniziale

Gloria al Padre, e al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre, nei secoli dei secoli, amen.

 

O Vergine Maria, Madre e Regina del Carmelo Ti benedico e Ti ringrazio, assistimi nel cammino della vita, conservami fedele nel tuo servizio, donami ogni grazia che mi aiuti a vivere la mia vocazione cristiana, secondo il mio particolare stato di vita. Soprattutto, Vergine Maria, ottienimi dal Padre Celeste di crescere nella carità.

La Parola

La Proclamazione del Regno di Dio, La Prima Comunità:”C’erano Pietro e Giovanni, Giacomo e Andrea, Filippo e Tommaso, Bartolomeo e Matteo, Giacomo di Alfeo e Simone lo Zelota e Giuda di Giacomo. Tutti questi erano assidui e concordi nella preghiera, insieme con alcune donne e con Maria, la madre di Gesù e con i suoi fratelli.” (Atti 1, 13-14)

Meditiamo:

”So che a Nazaret, Madre piena di grazia, poveri eri e nulla più volevi,: non miracoli o estasi o rapimenti t’adornan la vita Regina dei Santi! In terra è grande il numero dei piccoli, che possono guardarti senza tremare. La via comune, Madre incomparabile, percorrere tu vuoi e guidarli al cielo. Aspettando il cielo Madre mia diletta, con te voglio vivere e seguirti sempre!” (Poesia n.54, 17 S.Teresina del Bambino Gesù)

“Santa Maria, donna missionaria, concedi alla tua Chiesa il gaudio di riscoprire, nascoste tra le zolle del verbo “mandare”, le radici della sua primordiale vocazione. Aiutala a misurarsi con Cristo, e con nessun altro: come te, che apparendo agli albori della rivelazione neotestamentaria accanto a Lui, il grande missionario di Dio, lo scegliesti come unico metro della tua vita. Quando la Chiesa si attarda all’interno delle sue tende dove non giunge il grido dei poveri, dàlle il coraggio di uscire dagli accampamenti. Quando viene tentata di pietrificare la mobilità del suo domicilio, rimuovila dalle sue apparenti sicurezze. Quando si adagia sulle posizioni raggiunte, scuotila dalla sua vita sedentaria. Mandata da Dio per la salvezza del mondo, la Chiesa è fatta per camminare, non sistemarsi.(Don Tonino Bello, Maria, donna dei nostri giorni).

Preghiamo

Vergine Maria, Madre e Regina del Carmelo, unita mirabilmente al mistero della Redenzione, tu hai accolto e custodito nel cuore la Parola di Dio ed hai perseverato con gli apostoli in preghiera, nell’attesa dello Spirito Santo. In te, come in una perfetta immagine, noi vediamo realizzato quello che desideriamo e speriamo di essere nella Chiesa. O Vergine Maria, Mistica Stella del Carmelo, illuminaci e guidaci sulla via della perfetta carità; attiraci nella contemplazione del Volto del Signore. Veglia con amore su noi tuoi figli, rivestiti del Tuo Santo Scapolare, segno della tua protezione e risplendi sul nostro cammino, perché giungiamo alla vetta del Monte, che è Cristo Gesù, tuo Figlio e Nostro Signore.

 

Salve Regina…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *