Novena di Natale

Ottavo giorno, 23 Dicembre

“Gesù percorreva tutte le città e i villaggi, insegnando nelle loro sinagoghe, predicando il Vangelo del Regno e curando ogni malattia e infermità. Vedendo le folle ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite, come pecore senza pastore”.(Matteo 9, 35-36)

 

 

Meditazione

Noi non abbiamo parole per esprimere la “compassione” del Padre, a cui Egli va incontro per puro amore delle sue creature peccatrici. Sant'Ignazio dice negli Esercizi che dobbiamo considerare “come Dio si affanna per amore nostro e si comporta come uno che esegue un lavoro faticoso” (n. 236). Il Figlio di Dio non porta il mondo sulle spalle come il vigoroso Atlante: qui vediamo che, per amore del mondo, Egli semplicemente crolla sotto il peso del suo carico!

Noi vorremmo sempre una spiegazione dei perché Dio permetta tanto dolore nel mondo. L'unica risposta che Egli ci dà si trova qui: “Il mondo Dio lo ha tanto amato, amato, amato, da permettere che il suo unico Figlio” soccomba sotto di esso. Ma Dio è uno solo: lo stesso eterno amore è anche nell'amore del Figlio, che ci ha tanto amati da prendere su di sé la nostra colpa, così che il Padre possa nuovamente riconoscere in noi i suoi amati figli. Lo Spirito Santo è l'unità dell'amore tra Padre e Figlio; gli stessi sentimenti uniscono entrambi, e noi, poveri peccatori, ne siamo l'oggetto. (preparazione alla via Crucis, Von Balthasar)

 

“Ogni volta che pensiamo a Cristo, ricordiamoci dell’amore che lo ha spinto a concederci tante grazie e dell’accesa carità che Dio ci ha mostrato dandoci in Lui un pegno della tenerezza con cui segue: amore, infatti domanda amore.

Perciò sforziamoci di considerare questa verità e di eccitarci ad amare. Se il Signore ci facesse la grazia, una volta, di imprimerci nel cuore questo amore, tutto ci diverrebbe facile e faremmo molto, in breve e senza fatica” (S. Teresa D’Avila Vita 22,14).

 

Orazione

O Dio Onnipotente ed Eterno, è ormai davanti a noi il Natale del tuo Figlio: ci soccorra nella nostra indegnità il Verbo che si è fatto uomo nel seno della Vergine Maria e si è degnato di abitare fra noi. Egli è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.

 

Padre nostro, Ave Maria, Gloria al Padre.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *